Fuggevole

È capitato, non ci credevi e ti è immensamente piaciuto.

Era come se in quel momento non ti servisse altro. Solo la vicinanza, la comunione, quella sorta di intesa inattesa. Solo quei pochi semplici istanti.

Tutto improvviso, tutto inaspettato e tutto sorprendentemente inspiegabile.

L’hai abbracciato, te lo sei mangiato e hai assaporato bene, perché c’era coscienza in quel gusto e sapevi che sarebbe durato poco e non l’avresti provato più.

E poi le piccole cose, quelle fisiche, quelle che fuggono e nessuno vede. Le gambe piegate sulla sedia e quella finta disattenzione. E la brutale speranza di qualcosa che non esiste nemmeno.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...